Presentazione del libro LA VERTIGINE DEL TUTTO di Valentina di Ludovico

L’appuntamento è per sabato 28 gennaio alle ore 18:00 presso la Sala Polifunzionale di Teramo

Sarà un interessante momento di dialogo, di psichiatria, di esperienze.

Modera Rino Orsatti, Giornalista Super J

Dialogheranno con l’autrice:

Simone Gambacorta, vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti d’Abruzzo

Domenico De Berardis, Direttore Dipartimento salute mentale – Asl Teramo

Alessandro Valchera, Presidente Associazione Polyedra

Letture a cura di Mauro Di Girolamo, attore di “SPAZIO TRE”

Giornate della Follia 2022

L’associazione Polyedra e Lopez Eventi e congressi in collaborazione con Suore Ospedaliere vi invitano  il 18-19 Marzo al nostro consueto appuntamento con le Giornate della Follia dal titolo “Stress acuto e stress cronico: l’impatto sulla salute”.

L’evento è accreditato per tutte le professioni sanitarie ( Logopedista, Psicologo, Infermiere, Educatore professionale, Tecnico della riabilitazione psichiatrica, Assistente sanitario, Fisioterapista, Medico chirurgo (tutte le specialità) attribuendo n. 13 crediti.

L’iscrizione al Congresso, è gratuita e riservata alle prime 70 richieste 

Iscrizioni online su: www.lopezcongressi.it

È obbligatoria la preiscrizione, non saranno accettate le iscrizioni in loco.

Consulta IL DEPLIANT con il programma completo

Novità: Realtà Virtuale

Da febbraio l’associazione Polyedra ha inserito la  Realtà Virtuale nei servizi proposti.
La realtà virtuale in ambito clinico aiuta virtualmente, appunto, ad affrontare problemi che emergono in determinate situazioni attraverso un approccio graduale e immersivo.

Nello specifico gli interventi che possono essere effettuati tramite RV sono:

ZOOPHOBIA: App di Realtà Virtuale realizzata per il trattamento delle Fobie Specifiche per alcuni tipi di animali.

L’App si focalizza su ragni, serpenti e scorpioni.

CEREBRUM : App di Realtà Virtuale realizzata per la Riabilitazione Cognitiva.

DRIVER : App di Realtà Virtuale realizzata per il trattamento dell’Amaxofobia, la paura di guidare.

AVION: App di Realtà Virtuale realizzata per il trattamento dell’Aerofobia, la paura di prendere l’aereo.

Ps: la realtà virtuale non è per tutti! ci devono essere dei criteri specifici  di selezione e può essere applicata solo in determinate situazioni.  Per questo è importante introdurla solo se necessario ed effettivamente utile in quel percorso clinico previo un colloquio conoscitivo iniziale per lavorare sulle aspettative rivolte allo  strumento e su una capillare personalizzazione.
È consigliato, per una presa in carico a 360 gradi della persona e per una maggiore efficacia, un  continuo e costante confronto e condivisione in equipe.

IDEGO – Psicologia Digitale

COMUNI-care

Il libro nasce dall’idea di quanto una comunicazione adeguata e scevra da schemi sociali e convenzionali sia sinonimo di benessere psico-fisico e contribuisca alla riduzione dello stress. Il titolo sottolinea che la parola non basta per essere “buoni comunicatori” ed è fondamentale un percorso volto alla ri-scoperta del corpo, delle sensazioni, della gentilezza e della cura, in altre parole “del sentire prima del fare”. I tempi moderni impongono velocità, efficienza e alti livelli di perfezionismo che peggiorano la qualità di vita e le relazioni personali e sociali.

Il libro Comuni CARE, quindi, è stato pensato per dare ai professionisti della salute mentale indicazioni per progettare e condurre interventi di gruppo sulla comunicazione assertiva affinché possano applicare interventi terapeutico-riabilitativi che favoriscono il ben-ESSERE globale dell’individuo. Il professionista o il lettore appassionato di comunicazione troverà nella prima parte le valutazioni specifiche per individuare le dimensioni compromesse e utili per concordare gli obiettivi, le caratteristiche specifiche di un protocollo di riabilitazione, le modalità di gestione degli interventi e le peculiarità del conduttore e del gruppo fino alla descrizione delle diverse strategie cognitivo comportamentali e delle pratiche corporee applicate nel protocollo di comunicazione. Nella seconda parte ci sarà la “fase operativa” dove si descrive il protocollo in otto incontri. Ognuno ha una tematica ed è organizzato in modo da raggiungere gli obiettivi prefissati e modellati sui singoli bisogni dei partecipanti. In questa parte vi è anche la scheda generica degli incontri, la parte psicoeducativa, le specifiche tecniche corporee applicate.

In questa parte pratica viene inserita, in parallelo, la storia di “Mindy”, personaggio inventato, che aiuterà il lettore a comprendere come la persona, che partecipa ad un protocollo di gruppo, vive gli incontri, portando nel gruppo la propria storia, le proprie ansie e perplessità. Gli stati fisici, emotivi e mentali di “Mindy” nel percorso si pongono come spazi di riflessione per il lettore sulle reazioni umane e su quanto possa essere difficile, per ognuno di noi nelle diverse situazioni di vita quotidiana, avere un adeguato stile di comunicazione. Il volume è destinato a tutti gli operatori del settore, agli studenti, agli insegnanti e in generale a chi ha interesse verso la comunicazione.

https://www.alpesitalia.it/prodotti-820-comuni_care

https://www.amazon.it/Comuni-care-corpo-oltre-parole-pratica/dp/8865317140/ref=mp_s_a_1_2?dchild=1&keywords=comuni+care+di+ludovico&qid=1619151421&sprefix=comuni+care&sr=8-2

Aspetti psicologici dell’anziano sano

Quando si parla di anziani, spesso ciò che ci raffiguriamo è un individuo segnato nel volto, nel corpo  e nel comportamento dai segni della demenza.

Ciò che ci sfugge è, spesso, ciò che invece riguarda l’aspetto psicologico dell’anziano sano, di quell’anziano che vive un invecchiamento “normale”, ossia quel processo inevitabile che avviene in tutta la popolazione e che prevede modificazioni sia fisiche che psicologiche, cognitive e affettive, in una sostanziale stabilità del quadro di personalità.

Per entrare in questa dimensione ed arrivare a comprendere le peculiarità e la ricchezza di questa età bisogna certamente essere pronti ad abbandonare il concetto di anzianità come perdita e sconfitta, dove si privano di significato anche l’attivarsi e il continuare a coltivare passioni ed interessi. Bisogna liberarsi da stereotipi, dal pessimismo che emerge dai numeri e partire invece dalla ricchezza dell’individualità e delle differenze di ciascuno.

Secondo un approccio life-span lo sviluppo è un processo che dura tutta la vita, con successivi adattamenti e acquisizioni sia cumulative, basate sull’accrescimento di nuove esperienze, che innovative, basate su competenze nuove. In questa cornice teorica si sottolinea la grande plasticità intraindividuale, ossia la possibilità di adattare le proprie risorse fisiche e psichiche alle condizioni di vita dell’ambiente esterno, e le differenze individuali, con l’impossibilità, quindi, di descrivere l’invecchiamento come un processo univoco e generalizzabile.

Gli aspetti psicologici dell’anziano sano sono inevitabilmente ancorati al concetto di cambiamento, un concetto che si dispiega in diverse aree, in primis quella del corpo.

Ciò che, talvolta, caratterizza questo processo di cambiamento è il fatto che l’immagine che l’anziano ha del proprio corpo non corrisponda  ai cambiamenti che si verificano, generando potenzialmente ansia e insicurezza con ricadute sull’autostima, soprattutto nelle donne. Ciò perché quest’ultime si trovano a interfacciarsi spesso con un contesto in cui il corpo diviene misura di successo, salute e autocontrollo. Da ciò il susseguirsi diverse modalità di gestione di questa discrepanza tra cui il rifiuto del cambiamento, il sentirsi “intrappolati”, il lottare per rimanere giovani o l’accettare pragmaticamente che il proprio aspetto esterno corrisponda alla propria età. Solo quest’ultimo caso rappresenta uno stile di gestione più funzionale del cambiamento. Per ciò che concerne la lotta per avere un corpo più giovane, da ricerche emerge come l’insoddisfazione per l’immagine corporea sia tra i principali fattori di ricorso alla chirurgia estetica: se associata a cessazione dell’attività lavorativa, la persona può sperimentare deflessione del tono dell’umore con sentimenti di tristezza e vuoto. L’attitudine e la ricerca spasmodica dell’iper-lavoro lasciano poco spazio alla presa di contatto con le proprie emozioni, e la persona può trovarsi poco preparata a gestire tali stati emotivi. In tale cornice la persona può verosimilmente ricorrere alla chirurgia estetica quale strategia auto-immunizzante per non entrare in contatto con gli stati emotivi dolorosi che possono accompagnare l’invecchiamento.

Un altro cambiamento considerevole è quello che concerne la vita sessuale. Sebbene non vi siano controindicazioni e ostacoli al mantenimento di una buona attività sessuale anche nella terza età, molti anziani mettono in atto ciò che viene definita “ritirata sessuale”. Tra le possibili cause si hanno: il senso di minaccia che l’anziano percepisce da tale istinto, timore di possibili fallimenti, condizioni di salute, polifarmacoterapia ( somministrazione di antipertensivi, antidepressivi…) e difficoltà a riferire eventuali problematiche di natura sessuale al medico. Molti anziani riferiscono di avere problemi di salute inficianti la qualità della vita sessuale e di non aver richiesto alcun tipo di aiuto a professionisti nell’ambito della salute, sia fisica che mentale. A fronte di un peggioramento nell’ambito sessuale, seguirà verosimilmente però una diminuzione della qualità della vita generale e del benessere.

Non è trascurabile il pensionamento. Evento questo in cui l’identità sociale è destinata a destabilizzarsi, producendo due principali conseguenze: la prima, un cambiamento dello “status sociale”. Dopo questo evento continueremo, ovviamente, ad essere quelli che siamo, ma privati del potere, dei privilegi e di altre caratteristiche eventualmente connesse allo status lavorativo precedente. È evidente che queste modificazioni presentano rischi più alti per le persone che hanno svolto attività importanti, di elevata posizione sociale e prestigio. In secondo luogo una perdita di ruolo. Con il pensionamento non faremo più ciò che abbiamo sempre fatto tutti i giorni per molti anni e questo evento può generare la pericolosa credenza che non saremo più quelli che siamo sempre stati in precedenza. Ciò sembrerebbe essere più frequente negli uomini che sembrerebbero privilegiare il lavoro mentre le donne verosimilmente avvantaggerebbero gli aspetti inerenti alla casa e ai figli.  

Un aspetto particolarmente interessante è quello che concerne le emozioni, il loro riconoscimento e  gestione. Una ricerca mostra come, per quanto riguarda il riconoscimento emotivo a partire dalle espressioni facciali, l’anziano subisca un decremento della capacità a riconoscere la paura, la rabbia e la tristezza,  un aumento della capacità di riconoscere il disgusto e prestazioni simili per ciò che riguarda le emozioni di gioia e sorpresa. Un altro aspetto particolarmente interessante è la descrizione di un paradosso che riguarda l’aspetto emotivo: gli anziani sembrerebbero essere meno reattivi fisicamente ed emotivamente agli stress interpersonali, reagiscono meno alle situazioni negative e ignorano meglio gli stimoli negativi irrilevanti, oltre che impegnarsi in strategie di conflitto meno distruttive.

Nel descrivere la personalità e le sue implicazioni durante un processo di invecchiamento sano, ci riferiamo in particolare a due filoni di ricerca: gli studi sull’evoluzione dei tratti di personalità nell’arco di vita e l’incidenza sull’invecchiamento e quelli sull’evoluzione della personalità sana e patologica nella terza età.

In primo luogo, emerge come alcuni tratti abbiamo un’incidenza sulla qualità dell’invecchiamento: alcuni tratti di personalita, come il nevroticismo, sono stati considerati dei trigger rispetto allo sviluppo di patologie in terza età. Al contrario, sembrebbe che alcuni tratti possano favorire il mantenimento di capacità cognitive: la stabilità emotiva, l’apertura e l’estroversione consentono di mantenere una migliore prestazione a livello di fluenza verbale. Alti livelli di estroversione e coscienziosità sono stati riconosciuti come fattori di protezione rispetto a disabilità negli anziani; mentre alti livelli di nevroticismo e bassi di investimento sociale possono favorire il rischio di deficit cognitivi, disabilita e morte più precoce.

Per ciò che riguarda il filone che studia l’evoluzione della personalità sana e patologica nella terza età sembrerebbe emergere come fondamentale l’accettazione di questo processo “tipico”, l’assunzione di nuovi ruoli che comportano un’arricchimento, integrazione e completamento della propria identità autobiografica.  Il feeling of happiness, ovvero un generale senso di benessere, e il senso di coerenza, ovvero la capacita dell’individuo di orientarsi e rispondere con coping adattivi a situazioni problematiche e percepirsi negli eventi in modo attivo e consapevole, consentirebbero di vivere con positività l’invecchiamento, di accettare i nuovi ruoli e preverrebbero risvolti di ansia e isolamento sociale, purtroppo non infrequenti nella terza età.

In questa breve rassegna non si è voluto assolutamente assumere un atteggiamento riduzionistico ma bensì un’apertura, verso quella che può essere definito una visione più positiva della terza età e della ricchezza che essa porta con sé,   come afferma Trabucchi “Conta la valorizzazione intrinseca di chi raccoglie in sé la ricchezza che il mondo ha espresso nelle sue varie dimensioni del tempo”.

Antonella Vagnoni

Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo Interpersonale

Bibliografia

Abraham, G. (1975). La vita sessuale nell’età avanzata. In Abraham, G., Pasini W. (a cura di) Introduzione alla sessuologia medica. Milano: Feltrinelli.

Asioli, F. (2020). Equilibri difficili. Affettività e cambiamenti della struttura emotiva dell’anziano. Psicogeriatria, Supplemento 2, pp. 31-35.

Ayotte, B.J., Potter, G.G., Williams, H.T., Steffens, D.C., Bosworth, H.B. (2009)  The moderating role of personality factors in the relationship between depression and neuropsychological functioning among older adults. Int J Geriatr Psychiatry. Sep;24(9):1010-9.

Baltes, P., Reese, H.W., Lipsitt, L.P. (1980). Life-Span Developmental Psychology.  Annual Review of Psychology, 31, pp. 65-110.

Baroni, M.R. (2010). I processi psicologici dell’invecchiamento. Roma: Carocci.

Cafaro, D. (1992). Sesso 2000: il comportamento sessuale degli italiani alle soglie del XXI secolo. 2o    Rapporto Asper, Roma.

Callieri, B. (2008). L’invecchiamento fra emarginazione e creativita. Comprendre. 16-17-18:54-62.

Clarke, H. (2001).Older’s womens bodies and the self: the construction of body identity in later life. Canadian Review of Sociology and Anthropology, 38, (4), pp. 441-64.

Crowe, M., Andel, R., Pedersen, N.L., Fratiglioni, L., Gatz, M. (2006). Personality and risk of cognitive impairment 25 years later. Psychol Aging. Sep;21(3):573-80.

Dar-Nimrod, I., Chapman, B.P., Robbins, J.A., Porsteinsson, A., Mapstone, M., Duberstein, P.R. (2012) Gene by neuroticism interaction and cognitive function among older adults. Int J Geriatr Psychiatry. Nov; 27(11):1147-54.

Debast, I., van Alphen, S.P.J., Rossi, G., Tummers, J.H.A., Bolwerk, N., Derksen, J.J.L., Rosowsky, E. (2014) Personality Traits and Personality Disorders in Late Middle and Old Age: Do They Remain Stable? A Literature Review. Clin Gerontol. Feb;37(3):1-19.

Di Mattei, V., Pagani Bagliacca, E., Baruffaldi Preiss, F.W. (2015). The impact of cosmetic plastic surgery on body image and psychological well-being: a preliminary study. ResearchGate, January.

Erens, B., Mitchell, K.R., Gibson, L., Datta, J., Lewis, R., Field, N., Wellings, K. (2019). Health status, sexual activity and satisfaction among older people in Britain: a mixed method study. Plos One, 27, 14(3).

Goldberg D, Goodyer I. (2009). Origine e sviluppo dei disturbi mentali. Torino: Centro Scientifico Editore.

Graham, E.K., Lachman, M.E. (2012)  Personality stability is associated with better cognitive performance in adulthood: are the stable more able? J Gerontol B Psychol Sci Soc Sci. Sep;67(5):545-54.

Havighurst, R.J. (1957) L’invecchiare con successo. Longevità.;6:16-21.

Helvik, A.S., Engedal, K., Selbak, G. (2013). Change in sense of coherence (SOC) and symptoms of depression among old nondemented persons 12 months after hospitalization. Arch Gerontol Geriatr. Mar-Apr; 56(2):314-20.

Henderson King, D., Henderson King, E. (2005). Acceptance of cosmetic surgery: scale development and validation. Body Image, 2(2), pp. 137-149.

Landa, C.E., Bybee, J.A. (2007). Adaptive elements of aging: self-image discrepancy, perfectionism, and eating problems. Developmental Psychology, 43, pp. 83-93.

Lautenschlager, N.T., Fӧrstl, H. (2007). Personality change in old age. Curr Opin Psychiatry. Jan;20(1):62-6.

Low, L.F., Brodaty, H., Draper, B. (2002). A study of premorbid personalità in behavioral and psychological symptoms of dementia in nursing home residents. Int J Geriatr Psychiatry. Aug;17(8):779-83.

Mather, M. (2012). The emotion paradox in the aging brain. Annal of the New York Academy of Sciences, 1251, pp. 33-49.

Segal, D.L., Coolidge, F.L., Rosowsky, E. (2006). Personality Disorders and Older Adults. Diagnosis, assessment and treatment. John Wiley & Sons Inc, Hoboken (NJ).

Sharp, E.S., Reynolds, C.A., Pedersen, N.L., Gatz, M. (2010). Cognitive Engagement and Cognitive Aging: Is Openness Protective? Psychol Aging. Mar;25(1):60-73.

Skoog, I. (1996). Sex and swedish 85-years old. New England Journal od Medecine, 334, pp. 11-40.

Smith, L., Yang, L., Veronese, N., Soysal, P., Stubbs, B., Jackson, S.E. (2019). Sexual activity in associated with greater enjoyment of life in older adults. Sexual Medicine, 7,1, pp. 11-18.

Sutin, A.R., Terracciano, A., Kitner-Triolo, M.H., Uda, M., Schlessinger, D., Zonderman, A.B. (2011) Personality traits prospectively predict verbal fluency in a lifespan sample. Dec;26(4):994-9.

Trabucchi, M. (2016). I volti dell’invecchiare. Cinisello Balsamo: San Paolo Edizioni.

Van den Broeck, J.A. (2012) Trait-Based Perspective on the Assessment of Personality and Personality Pathology in Older Adults. A dissertation submitted in fulfillment of the requirements for the degree of Doctor in Psychological Sciences. Vrije Universiteit Brussel – Faculty of Psychology and Educational Science – Department of Clinical and Lifespan Psychology, Brussel.

Van den Broeck, J., Rossi, G.M.P., Dierckx, E., De Clercq, B. (2012). Ageneutrality of the NEO-PI-R: potential differential item functioning in older versus younger adults. J Psychopath Behav Ass., Sep; 34(3):361-69.

West, T., Horning, S.M., Klebe, K. J., Foster, S. M., Cornwell, R.E. (2012). Age effects on emotion recognition in facial displays: from 20 to 89 years of age. Experimental Aging Research, 38, pp. 146-168.

Zoppi, A. (2019). Personalità e invecchiamento sano e patologico: un’indagine sullo stato dell’arte. Psicogeriatria, 1, pp. 26-38.

Zweig, R.A. (2008). Personality Disorder in Older Adults: Assessment Challenges and Strategies. Profes Psych Res Pract. 39(3):298-305.

Sitografia

https://www.stateofmind.it/2017/05/gerascofobia-chirurgia-estetica/

Giornate della Follia 2020

Come promesso eccoci con il primo importantissimo evento di settembre della nostra formazione 2020 in totale sicurezza e nel rispetto delle disposizioni ministeriali.

Lopez Eventi e congressi e l’associazione Polyedra in collaborazione con Suore Ospedaliere vi invita il 25 e 26 settembre 2020 al nostro consueto appuntamento con le giornate della follia dal titolo “Cognitività e psicopatologia: quali nessi e quali strategie “ nell’ambito del Follemente Festival

L’evento è accreditato per tutte le professioni sanitarie ( Logopedista, Psicologo, Infermiere, Educatore professionale, Tecnico della riabilitazione psichiatrica, Assistente sanitario, Fisioterapista, Medico chirurgo (tutte le specialità) attribuendo n. 12 crediti.

L’iscrizione al Congresso, è gratuita e riservata alle prime 50 richieste

Iscrizioni online su: www.lopezcongressi.it nello specifico potete collegarvi a https://www.lopezcongressi.it/event/618/showCard
È obbligatoria la preiscrizione, non saranno accettate le iscrizioni in loco.

Consulta LA LOCANDINA

Consulta il DEPLIANT con il programma completo

Corso FAD – Training di gruppo sulla comunicazione assertiva

Lopez Eventi e Congressi in collaborazione con L’Associazione Polyedra vi invita a partecipare al primo di una serie di incontri dedicati alla formazione sulla conduzione e gestione dei gruppi riabilitativi, la progettazione e la messa in pratica degli interventi.

L’incontro si terrà il 24 Luglio 2020 dalle 17 alle 20 e prevede una parte teorica, una pratica e del materiale di approfondimento.

Il corso è accreditato per Medici, Psicologi, Tecnici della riabilitazione Psichiatrica ed Educatori.


Vi aspettiamo

Per info e prenotazioni 327 8991028

Scarica la locandina dell’evento

Formazione 2020

Stiamo tornando con tanti appuntamenti per la nostra formazione 2020 in totale sicurezza e nel rispetto delle  disposizioni di protezione.

Lopez Eventi e Congressi in collaborazione con l’associazione Polyedra e Suore Ospedaliere vi invita ai seguenti convegni:

📌 25 e 26 settembre 2020 avremo il nostro consueto appuntamento con le giornate della follia dal titolo “Cognitività e psicopatologia: quali nessi e quali strategie “ nell’ambito del Follemente Festival

📌 16 ottobre 2020 il nostro focus si sposterà su argomenti specifici di neurogeriatria dal titolo “Cognitività nell’anziano sano” dove si illustreranno aspetti neurobiologici, interventi terapeutico riabilitativi e le inferenze dei disturbi psichiatrici sulla cognitività dell’anziano

📌 30 ottobre 2020 approfondiremo il mondo delle patologie psichiatriche sotto la lente della cognitività. Il convegno dal titolo “La dimensione cognitiva nelle patologie psichiatriche” ha l’obiettivo di sottolineare quanto, l’aspetto cognitivo, non debba essere sottovalutato nella presa in carico, nella valutazione e nei successivi interventi individualizzati del paziente con un disturbo psichiatrico

📌 20 novembre 2020 esploreremo l’ambito delle dipendenze connesse con la dimensione cognitiva. Nel convegno dal titolo “Cognitività e addiction” si definirà da un punto di vista neurobiologico il circuito della dipendenza e come essa interferisce con la cognitività.

📌 4 dicembre 2020 la formazione interesserà chi lavora in équipe e in campo riabilitativo. Il convegno dal titolo “Riabilitazione virtuale e lavoro d’equipe” sarà in collaborazione con il gruppo Promind – Servizi per la salute mentale che presenterà aspetti di psicologia clinica in RV e le applicazioni di quest’ultima nella progettazione degli interventi di riabilitazione psichiatrica e cognitivi.

A breve tutti i programmi e le informazioni per potersi iscrivere ✏️

Vi aspettiamo


MBSR e Yoga: le neuroscienze incontrano le pratiche di consapevolezza

Il progetto si propone, attraverso un workshop on line distinto in due sessioni nel mese di maggio, aperto alla popolazione, di presentare attraverso una cornice teorica e pratica alcune tematiche affini tra le pratiche di consapevolezza e quelle yogiche .

Il progetto parte dal presupposto che le pratiche meditative in un primo approccio aumentano l’energia e la vitalità del sistema corpo-mente, con pratiche che aprono tutto il corpo al respiro profondo, “sgabbiandolo” si dice, facendo esperienza di una respirazione completa, addominale/diaframmatica–toracica–clavicolare, che apporti molto ossigeno, trasformato prontamente dall’organismo in energia per le cellule.
Il secondo approccio riducono il consumo energetico del sistema corpo-mente mediante il rilassamento profondo, la distensione totale, “corpo disteso, mente distesa”, l’abbandono e la non resistenza allo sforzo. Questa attitudine non solo corporea, ma soprattutto mentale, libera da tensioni croniche muscolari e conflitti di vario genere. Man mano che sorge questa calma profonda, questa presenza rilassata a se stessi, il surplus energetico che si crea, diventa disponibile per illuminare le aree silenti del cervello, in un circuito che una volta instaurato si autoalimenta. Comprendiamo bene allora perché lo Yoga e le pratiche di consapevolezza costituiscono un percorso per espandere la coscienza oltre i limiti del sé psico-corporeo. Per questo motivo all’interno dei due workshop si alternerà una parte di pratiche mindfulness ad una parte di inquadramento teorico andando ad individuare delle macro aree che delineano la continuità tra le pratiche di Kabat Zinn e quelle della tradizione Yoga.

Le tematiche in particolare verteranno sulla consapevolezza del pilota automatico, sul rapporto con lo stress e il disagio, sul triangolo della consapevolezza, sull’attaccamento/desiderio e il non-fare e infine sulla cura di sè, la gentilezza e la compassione.

Il progetto ha come obiettivo presentare le potenzialità delle pratiche di consapevolezza di riduzione dello stress collegate allo Yoga, evidenziare quanto queste pratiche possano dare beneficio sulla nostra mente migliorando la nostre capacità cognitive ed esecutive, aumentando la soglia di tolleranza allo stress,  e dare risonanza al background storico delle tematiche individuate.

I due work shop sono collegati quindi è importante che vengano fatti dagli stessi partecipanti.

L’evento si terrà su Zoom. Clicca sul link per l’iscrizione.

“Comportamenti problema”, aggressività e comorbidità psichiatrica nei disturbi del neurosviluppo – 13 dicembre 2019, Ascoli Piceno

Lopez Eventi e Congressi e Suore ospedaliere – Casa di Cura “Villa San Giuseppe” in collaborazione con l’Associazione Polyedra sono lieti di presentare il nuovo evento formativo in programma per venerdi 13 dicembre, presso l’auditorium della Casa di Cura Villa San Giuseppe di Ascoli Piceno.

Il convegno tratterà la tematica dei comportamenti aggressivi definiti in termini di “Comportamenti problema” seguendo un’ ottica dimensionale, all’interno della quale, per rendere efficaci gli interventi farmacologici, terapeutici e riabilitativi  è centrale il lavoro d’equipe. Attraverso quest’ultimo, ogni operatore necessita di una visone d’insieme della persona che assiste e mette a disposizione le proprie competenze per individuare i segnali sentinella, gestire al meglio insieme al paziente i “comportamenti problema” ed insegnare abilità sociali più efficaci che permettano alla persona di ridurre questi comportamenti.

L’evento è gratuito e accreditato ECM.

SCARICA IL DEPLIANT CON IL PROGRAMMA COMPLETO

PER LE MODALITA’ DI ISCRIZIONE CLICCA QUI

Giornate della Follia – 20/21 settembre 2019, Teramo

Anche quest’anno la città di Teramo sarà la cornice della nuova edizione delle  Giornate della Follia, in collaborazione con il Follemente Festival.

Il 20 e 21 settembre, presso l’Hotel Sporting di Teramo, Lopez Eventi e Congressi, l’Associazione Polyedra e Suore Ospedaliere presentano il convegno “Trattamento e gestione del comportamento aggressivo: aspetti psichiatrico-forensi”.

Nel corso delle due giornate formative, verranno presentati i principali aspetti clinici implicati all’interno della dimensione aggressività, lungo un continuum che va dalla neurobiologia, alla psicopatologia fino ad arrivare al trattamento farmacologico, psicologico e riabilitativo, usufruibili dal clinico in differenti contesti di trattamento e cura del paziente.

L’evento è GRATUITO e ACCREDITATO ECM.

Di particolare rilevanza la presentazione del libro “Il caso Coco Chanel. L’insopportabile genio” a cura dell’autrice Prof.ssa Liliana Dell’Osso, Ordinario di Psichiatria presso l’Università di Pisa, Presidente del Collegio dei professori ordinari di Psichiatria italiani, dal 2001 Direttore dell’UO di Psichiatria e dal 2010 è Direttore della Scuola di Specializzazione. E’ autrice di oltre 600 pubblicazioni su riviste scientifiche prevalentemente internazionali.

La presentazione del libro avrà luogo venerdì 20 settembre alle 18,30 presso la Sala Ipogea di Piazza Garibaldi.  

CONSULTA LA LOCANDINA DELLE GIORNATE DELLA FOLLIA

CONSULTA IL DEPLIANT CON IL PROGRAMMA DETTAGLIATO

Per maggiori informazioni ed iscrizioni: Lopez Eventi e Congressi
webpage: http://www.lopezcongressi.it
Email: iscrizioni@lopezcongressi.it
Tel: +39 347 8541898 (ore ufficio)

YOGANZATERAPIA

Chissà se qualcuno ha mai pensato di mettere insieme danzaterapia e yoga
Valentina Di Ludovico, danzamovimento-terapeuta membro del gruppo clinico di Polyedra (Teramo), ne ha identificato le potenzialità e le possibilità.
Ne nasce un ciclo di laboratori, suddivisi in due moduli.
Il primo si terrà a maggio, il secondo a luglio, di martedì, dalle 20:30 alle 22:00..
Due moduli considerabili congiuntamente o disgiuntamente

Protagoniste due discipline diverse ma così vicine.
L’Expression Primitive, genere della Danzaterapia ideato da
Herns Duplan, danzatore di origini haitiane poi trasferitosi in Francia, rimanda a tutto ciò che per gli uomini è universale e si riferisce alla preziosa eredità dell’era preistorica. Riguarda, in particolare, le strutture psichiche primarie che si creano durante le fasi di sviluppo umano. La persona viene considerata in modo globale e il soggetto lavora mediante movimenti archetipici, gesti e rituali presenti in tutte le culture tradizionali e quindi compie un viaggio nella storia dell’umanità.
Archetipico è anche il lavoro interiore proposto dallo Yoga, antica disciplina di origine indiana risalente a circa 5000 anni fa, che considera l’uomo come un tutt’uno non solo nei suoi aspetti fisici, emozionali, mentali, ma anche in rapporto a tutto quel che è. L’Integral Yoga del maestro indiano Swami Satchidananda, in particolare, offre una pratica fortemente introspettiva volta al recupero di “Satya”, il riconoscimento della propria essenza.

DATE:
martedì h. 20:30/22:00
7-14-21-28 maggio 2019
9-16-23-30 luglio 2019

CONDUCONO
Valentina Di Ludovico, danzamovimento terapeuta integrata, Polyedra, Teramo
Alessandra Cocchi, Integral Yoga Therapist, YAP Yoga and Pleasure.

QUOTE DI PARTECIPAZIONE
€ 100,00 per entrambi i moduli
€ 60,00 per il singolo modulo
(+ €25,00 quota associativa YAP per i non Soci, valida per tutte le attività YAP fino al 31.12.2019).

PRIMA LEZIONE DI PROVA GRATUITA

Scarica il DEPLIANT con tutte le informazioni sul progetto YOGAnzaterapia, aree tematiche di ogni incontro e costi.



12 aprile EVENTO ECM GRATUITO- “L’amore è un colpo di pistola”: le dipendenze affettive e le relazioni pericolose

Suore ospedaliere – Casa di Cura “Villa San Giuseppe” e Lopez Eventi e Congressi in collaborazione con l’Associazione Polyedra sono lieti di presentare il nuovo evento formativo in programma per venerdi 12 aprile, presso l’auditorium della Casa di Cura Villa San Giuseppe di Ascoli Piceno.

L’evento, gratuito e accreditato ECM, tratterà i diversi aspetti della dipendenza affettiva e verranno esposte le dinamiche cognitive e relazionali in essa coinvolte.

SCARICA IL DEPLIANT CON IL PROGRAMMA E LE MODALITA’ DI ISCRIZIONE

Eventi formativi 2019

Suore ospedaliere – Casa di Cura “Villa San Giuseppe” e Lopez Eventi e Congressi in collaborazione con l’Associazione Polyedra sono lieti di presentare il programma degli eventi formativi dell’anno 2019.

Ogni mese l’evento in programma sarà dedicato ad un’area tematica, inoltre avremo un Evento Speciale aperto alla popolazione su Etica e Sessualità nel mese di giugno e poi l’immancabile appuntamento delle “Giornate della Follia” che si terrà a Teramo il 20-21 Settembre.


Il primo convegno, “Differenza tra aggressività nei disturbi psicotici e nei disturbi di personalità”, in cui si approfondirà l’area tematica delle dimensioni psicopatologiche, avrà luogo in data 1 marzo presso l’auditorium della Casa di Cura “Villa San Giuseppe” ad Ascoli Piceno.


Tutti gli eventi sono GRATUITI, accreditati ECM e sono rivolti a tutti gli operatori che lavorano in ambito sanitario: medici di tutte le discipline, infermieri professionali , fisioterapisti, psicologi, tecnici della riabilitazione psichiatrica, logopedisti, educatori professionali ed assistenti sanitari .

Vi aspettiamo!

SCARICA LA LOCANDINA DEGLI EVENTI

Per maggiori informazioni ed iscrizioni:

Lopez soc. coop. Eventi e Congressi
webpage: http://www.lopezcongressi.it
Email: iscrizioni@lopezcongressi.it
Tel: +39 347 8541898 (ore ufficio)
Fax: +39 0544 419050

Sportello di ascolto per adolescenti

In sinergia con le giornate di formazione scientifica del 28 e 29 settembre, l’Associazione Polyedra ha istituito uno sportello di ascolto rivolto ad adolescenti tra i 13 e i 19 anni.

L’obiettivo è quello di fornire ascolto,  accoglienza,  sostegno alla crescita, orientamento, informazione, gestione e risoluzione di problemi/conflitti attraverso:

  • Colloqui psicologici
  • Somministrazione di valutazione testistica su aspetti di personalita’
  • Distribuzione di questionari di raccolta dati su stili di vita, abitudi e progetti degli adolescenti

Il progetto che Polyedra propone ha lo scopo di rafforzare quegli interventi di prevenzione, promozione e sostegno a fasce di età come quella adolescenziale e a condizioni di vita come quella dei genitori, che rappresentano soggetti sensibili e strategici per quel che riguarda le potenzialità di intervento e sostegno nella direzione della crescita.

 

Lo sportello e’ aperto presso la sede Polyedra, via Flajani 18

 Dal lunedi’ al venerdi dale ore 15 alle 17,30

Giornate della Follia, 28-29 settembre

In collaborazione con Follemente Festival, l’Associazione Polyedra è lieta di presentare la nuova edizione delle Giornate della Follia.

Il 28 e 29 settembre presso la Sala Riunioni dell’Ordine dei Medici (Teramo) si succederanno eminenti professionisti della salute mentale sulla tematica “Disturbi di personalità e disturbi emotivi: quale relazione?”. Il convegno affronterà, in un’ottica multidisciplinare, le molteplici interazioni che intercorrono tra personalità, disturbi d’ansia e disturbi dell’umore.

L’evento è accreditato ECM.

 

 SCARICA LA LOCANDINA

SCARICA IL DEPLIANT CON IL PROGRAMMA DETTAGLIATO

 

Area Video

 

Per maggiori informazioni ed iscrizioni:

Lopez soc. coop. Eventi e Congressi
webpage: http://www.lopezcongressi.it
Email: iscrizioni@lopezcongressi.it
Tel: +39 347 8541898 (ore ufficio)
Fax: +39 0544 419050

Giornate Psichiatriche Ascolane – Ringraziamenti

A conclusione della XVI edizione delle Giornate Psichiatriche Ascolane, tenutesi nei giorni 10 e 11 maggio nella cornice del Palazzo dei Capitani, ringraziamo tutti i relatori che sono intervenuti, gli organizzatori e tutti coloro che hanno partecipato all’evento, contribuendo alla tradizionale ricchezza scientifica che contraddistingue questo evento formativo.

Cogliamo inoltre l’occasione per invitarvi a Giornate della Follia 2018, il prossimo evento che si terrà nei giorni di 28-29 settembre 2018 a Teramo, per una nuova occasione di approfondimento e dibattito.

A breve il programma dettagliato.

Video XVI Giornate Psichiatriche Ascolane 10-11 Maggio 2018

L’associazione Polyedra è lieta di presentare l’Area Video della XVIa Edizione delle Giornate Psichiatriche Ascolane – “Traiettorie Border: dal Narcisismo Maligno alla Paranoia”. Le due giornate di formazione si sono tenute nella tradizionale location del Palazzo dei Capitani nella Piazza del Popolo di Ascoli Piceno, nei giorni 10 e 11 Maggio 2018.

 

CONSULTA IL DEPLIANT CON IL PROGRAMMA DETTAGLIATO

 

Area video

Giovedi 10 maggio

Venerdi 11 maggio

Nuova Area Video

Il Polyedra Teaching Group è lieto di presentare la nuova Area video: una sezione specifica in cui sono contenute le registrazioni video delle relazioni e delle Lectio Magistralis di tutti i docenti che si sono succeduti nella Formazione 2017.

L’Area video relativa ad ogni evento formativo è consultabile all’interno di ogni specifico evento, quest’ultimi sono reperibili nella Home Page o nella sezione Journal.

Nel darvi appuntamento al prossimo evento formativo, vi auguriamo buona visione!